ELEMENTI DI UN SERRAMENTO

 

ELEMENTI SERRAMENTO    ondha_1

  1. cassonetto
  2. maniglia
  3. vetri
  4. cerniere
  5. fermavetro
  6. anta
  7. telaio
  8. movimentazione/cinghia

 

                                              

 

LA GAMMA DEI PRODOTTI

Infissi semplici:
1) Infisso Sostituzione: infisso pensato per la ristrutturazione da applicare su telai esistenti senza opere murarie.
2) Infisso Base Piana: infisso idoneo per il fissaggio diretto alla muratura.
3) Infissi con Falso telaio: infisso progettato per le applicazioni a muro tipiche dell’Italia, cioè attraverso l’utilizzo di una “dima”.
4) Portoncino d’ingresso: portoncino di sicurezza, cieco o a vetri.
5) Persiana “Frangisole”: persiana a lamelle orientabili predisposta per il fissaggio diretto alle murature.
6) Antone “Eclisse/Laguna”: antone a doghe verticali da fissare direttamente alla muratura.

Prodotti Composti
1) Monoblocco FP76/98-04: monoblocco composto da falso telaio, finestra, cassonetto ed avvolgibile il tutto in PVC
2) Monoblocco Frangisole: monoblocco composto da falso telaio, finestra, telaio monoblocco e persiane a lamelle orientabili.
3) Monoblocco con Antone. monoblocco composto da falso telaio, finestra, telaio e monoblocco e antone a doghe verticali.
I prodotti semplici (1-2-3) e composti (1-2-3) possono essere abbinabili ai seguenti modelli di ante apribili: – MOD. GENESY – MOD. ATMOSFERA 02 – MOD. ONDHA – MOD. ONDHA + Le caratteristiche sono le seguenti: dimensioni 80×73 (80×110 per ondha +), giunto aperto, complanarità esterna, vetro 23 o 35 mm.

UTILIZZO

L’uso sicuro

  • Verificare il limite di apertura e non spingere l’anta oltre tale posizione.
  • Evitare di sovraccaricare l’anta apribile.
  • Non inserire oggetti tra l’anta apribile ed il telaio fisso.
  • In fase di chiusura non inserire la mano tra anta e telaio.
  • Nella chiusura in posizione di ribalta e scorrevole accompagnare l’anta con una spinta della mano.
  • Non posizionare fiamme vive vicino al serramento.
  • Fonti di calore devono essere distanti dal serramento (oltre 50cm).
  • Prestare molta attenzione nella chiusura della finestra e/o persiana in caso di forte vento.
  • Non sporgersi eccessivamente quando si vuole aprire o chiudere le persiana /antone.
  • L’innalzamento e l’abbassamento dell’avvolgibile deve essere seguito tenendo la cinghia con entrambe le mani evitando di fare scorrere la cinghia in velocità.
  • La movimentazione della cinghia deve avvenire sempre frontalmente.
  • Non lasciare la finestra aperta in presenza di bambini non vigilati.
  • Le finestre Fapes possono essere progettate in modo da rendere la casa uno spazio accessibile, utilizzabile e fruibile da persone disabili.

L’uso salutare
Per migliorare il benessere abitativo ed evitare problemi causati dall’eccessiva umidità è necessario effettuare cicli regolari di apertura per ricambiare l’aria della casa. Il modo più semplice per ricambiare l’aria è quello di aprire completamente la finestra per circa 5 minuti più volte al giorno. Vapori, ed umidità fuoriescono dalla finestra mentre la temperatura interna non subisce sbalzi rilevanti. E’ possibile effettuare un ricambio d’aria parziale attraverso l’apertura a ribalta delle finestre soprattutto nelle giornate più calde. E’ sconsigliabile l’apertura della finestra a ribalta in stanze particolarmente umide se la temperatura esterna scende sotto lo zero poiché l’aria fredda esterna va raffreddare solo le pareti laterali vicino al serramento favorendo il formarsi di muffe. Ricordiamo che il valore ideale dell’umidità di una casa deve essere compresa tra il 40% ed il 55%; mentre la temperatura interna della casa deve essere compresa tra 18°C e 20°C, comunque non inferiore a 16°C.
L’infisso in PVC, è risaputo, è caratterizzato da un elevato livello di isolamento termico (K=1,30). Tale caratteristica garantisce da sola l’inesistenza della condensa nel serramento.
Verifichiamo ora due problemi che, nonostante quanto sopra descritto possono presentarsi, la loro causa e le soluzioni possibili.
1) Presenza di condensa sul serramento e sul vetro:
Le cause possibili:
- Elevata umidità nell’aria;
- La casa è poco arieggiata;
- Presenza di piante vicino alle finestre;
LE SOLUZIONI:
- Aerare maggiormente la casa;
- Ridurre il numero di piante vicino alla finestra;
- Verificare le cause esterne come ad esempio l’intonaco troppo fresco, la tipologia di rivestimento interno;
- Controllare l’umidità;
2) Presenze di muffe intorno alla finestra:
Le cause possibili:
- Le nuove finestre sono molto più isolanti rispetto alle precedenti;
- Elevata umidità e scarso ricambio d’aria ; – La casa è nuova ed è rimasta ancora molta umidità;
LE SOLUZIONI:
- Se la casa è nuova è consigliabile arieggiare maggiormente l’ambiente ed aumentare la temperatura del riscaldamento e fare in modo di far circolare l’aria nei locali della casa.
- Negli altri casi arieggiare di più la casa, rimuovere le cause che creano tali problematiche. Asciugare la zona di muffa con aria calda e pulire la parte con un panno inumidito con un detergente disinfettante.

FUNZIONI DELLA MANIGLIA

Finestra Battente: L’utilizzo della finestra avviene normalmente attraverso il “sistema di apertura”.
1. Maniglia in posizione verticale verso il basso = posizione di chiusura.
2. Maniglia in posizione orizzontale = anta aperta a battente.
3. Maniglia in posizione verticale verso l’alto = anta aperta a ribalta.
Tutte le finestre Fapes sono dotate di sistema “antifalsa manovra “, ovvero di un sistema che impedisca all’anta una manovra dalla posizione 3 alla posizione 2 (apribile a battente) ad anta aperta. Il sistema di apertura può essere limitato attraverso l’utilizzo di maniglia con pulsante di chiusura o con gruppo maniglia asportabile.

Finestra Scorrevole: Il sistema di apertura da noi utilizzato è chiamato “scorrevole parallelo” e prevede un’anta fissa ed una che può effettuare le seguenti operazioni:
A) Manovra di apertura:
1) Maniglione verticale verso l’alto: anta scorrevole in posizione di chiusura;
2) Maniglione orizzontale: anta scorrevole in posizione di ribalta;
3) Maniglione verso il basso: anta scorrevole si sgancia dal telaio fisso;
4) Tiro laterale del maniglione : anta scorrevole su binario del telaio fisso .
B) Manovra di chiusura
1) Spinta laterale del maniglione: anta scorrevole sul binario, e successiva battuta inferiore dell’anta sul telaio. L’anta si trova così in posizione ribalta.
2) Spostamento maniglione da posizione orizzontale a verticale verso l’alto: anta in posizione di chiusura a battente.

Finestra Wasistas:
1) WASISTAS CON MANIGLIA SU MONTANTE O TRAVERSA: La maniglia può essere posizionata parallela al montante o traversa: posizione di chiusura Maniglia in posizione perpendicolare: anta in posizione ribalta
2) WASISTAS CON CRICCHETTO: L’apertura avviene con il tiro del sistema di apertura verso il basso e la chiusura con la pressione esercitata sull’anta contro il telaio fisso. La finestra può essere dotata di sistemi di apertura e chiusura a distanza.

Portoncino d’ingresso: Il sistema di chiusura fornito è quello denominato “Automatic” . Esso si basa sul fatto che quando l’anta batte contro il telaio due catenacci (superiore e inferiore) si posizionano in chiusura, una mandata con la chiave blocca l’anta in posizione di chiusura su 3 punti.
Il Portoncino d’ingresso può essere dotato anche di altri sistemi di apertura – chiusura (vedi ad esempio: serratura elettrica).

Persiana/Antone: Il sistema chiusura – apertura è garantito dalla spagnoletta, ovvero da un’asta che garantisce la chiusura su 3 punti (inferiore, centrale e superiore). I punti di chiusura superiore e inferiore sono posizionati sulla muratura e sul telaio monoblocco, la chiusura centrale è assicurata dal posizionamento della manopola dell’anta principale nel riscontro posizionato nell’anta secondaria.

Avvolgibile: I sistemi di movimentazione dell’avvolgibile sono diversi; quello in dotazione standard è il sistema con avvolgitore e cintino. Tale sistema viene utilizzato per l’apertura con il tiro verso il basso del cintino che va in questo modo ad avvolgersi nell’avvolgitore, per la chiusura con il rilascio del cintino che si avvolge questa volta nella puleggia. E’ possibile dotare il proprio serramento di sistemi di movimentazione ad arganello ad asta oppure con motore elettrico.

MANUTENZIONE

Elementi in PVC: E’ richiesta semplicemente una costante pulizia superficiale

Ferramenta: Per garantire una buona funzionalità della finestra è opportuno pulire una o due volte l’anno le parti interessate alle movimentazioni con un pennello e lubrificarle con olio.

Guarnizioni: Le guarnizioni vanno pulite una volta l’anno. Le guarnizioni mantengono la loro elasticità passando una volta ogni 2 anni un panno impregnato di vaselina.

Fori scarico acqua: E’ necessario verificare all’atto della pulizia se la canalina di raccolta dell’acqua e i fori per il suo deflusso sono ostruiti da accumuli di sporco. In tal caso rimuovere lo sporco con un pennello.

Avvertenza: Dopo l’ installazione richiedete all’installatore (Rivenditore) di mostrarVi il corretto funzionamento del prodotto e gli eventuali semplici rimedi ai piccoli problemi inerenti alla chiusura – apertura delle finestre. Per qualsiasi altro problema contattare il Rivenditore e richiedere l’intervento.

PULIZIA

Dopo l’installazione del serramento rimuovere la pellicola protettiva.

La pulizia interna ed esterna della finestra, della persiana, dell’avvolgibile e del cassonetto può avvenire utilizzando abbondante acqua calda ed un detergente di tipo neutro usato normalmente in casa, senza risciacquare e infine è consigliabile asciugare con un panno morbido. In caso in cui lo sporco è resistente utilizzare detergenti cremosi, risciacquare e asciugare con panno morbido. E’ possibile utilizzare il vapore purché tenuto a 40 cm dall’infisso; non è consigliabile utilizzare il vapore in presenza di temperatura esterna bassa.

Si prega di non utilizzare detersivi particolarmente aggressivi, solventi o alcool al fine di evitare danni al serramento.

Si ricorda infine che il serramento in PVC, dopo la rimozione della pellicola protettiva, quando viene pulito a secco con strofinatura presenta sulla sua superficie elettrostaticità. Si consiglia in questi casi di usare abbondante acqua calda con detergente.

Il vetro e le guarnizioni possono essere puliti utilizzando prodotti detergenti oppure acqua con aceto.

Le maniglie vanno pulite con acqua tiepida ed un panno morbido.